Chez Charlotte Spleen

C'è solo un modo di dimenticare il tempo: impiegarlo.


1 Commento

Artefiera 2014

Ecco qui alcune delle prime foto scattate con la mia nuova Nikon D7100 in occasione di Arte Fiera a Bologna. Sicuramente ci vuole tanta altra pratica..

 

 

DSC_0448 DSC_0415 DSC_0447 DSC_0531

 

 

 

 

Annunci


Lascia un commento

Condivisione temporanea di fotografie?Ora si puó

Una delle applicazioni più rilevanti del 2013, per Apple e Android, è stata Snapchat; un servizio di messaggistica istantanea basato sulla comunicazione temporanea. Per chi non ne fosse ancora a conoscenza, questa applicazione ha riscontrato notevole successo, soprattutto negli Stati Uniti, proprio per la sua unica funzione. Infatti, una volta visualizzata la foto dal destinatario, in un tempo limite da 1 a 10 secondi stabilito dal mittente, essa viene cancellata dai server, impedendone il recupero a chiunque. In questo modo è possibile inviare fotografie, spesso immorali, senza preoccuparsi della privacy. Questa è stata l’innovativa idea di due ragazzi ventenni nel 2011, Evan Spiegel e Bobby Murphy, desiderosi di creare un social network alternativo a Facebook piuttosto che ad altre numerose piattaforme social, per facilitare la condivisione di immagini ed evitare al contempo di rendere permanente ogni ricordo o immagine online. Oggi Snapchat gestisce un traffico di 350 milioni di messaggi al giorno (dati risalenti a Ottobre 2013), contro i 400 milioni del più anziano Facebook. Spiegel, CEO dell’app, ha rifiutato un’offerta di acquisizione da parte di Zuckerberg della bellezza di 3 miliardi di dollari (rivelazione del Wall Street Journal). Sembrerebbe infatti, che Facebook tema la concorrenza di Snapchat, che è riuscita a conquistare negli ultimi mesi il 10% dell’utenza teenager , evidenziando invece, il calo significativo del numero di teenager attivi su Facebook; dal 76% del primo trimestre 2013, al 56% del terzo (ricerca condotta da GlobalWebIndex).

Come riescono a guadagnare i due startupper senza il contributo della pubblicità ed essendo l’applicazione assolutamente gratuita? Ovviamente il guadagno deriva completamente dai vari finanziamenti ottenuti da diversi privati. Ad esempio, la nuova piattaforma è riuscita ad ottenere 60 milioni di dollari dalla Institutional Venture Partners, e grazie a questo investimento la valutazione dell’applicazione è salita a 800milioni di dollari in tempi brevi, consentendo inoltre ai due giovani di poter accrescere e meglio sviluppare le funzioni dell’app.
È ancora presto per sapere se il successo di Snapchat crescerà negli anni o sarà considerato unicamente come mania del momento, ma indubbiamente grazie agli innumerevoli finanziamenti di cui dispone l’applicazione, Spiegel e Murphy continueranno a migliorarne l’offerta del servizio, includendo nuove funzioni (ad esempio la più recente Snapchat Stories) per ampliare il numero dei propri utenti. Senza dubbio, possiamo affermare che Snapchat può essere considerata come la prima applicazione che è riuscita a dare la possibilità di condividere informazioni destinare a scomparire e rimanendo inacessibile agli estranei.

20140116-214438.jpg